MENU
Una casa in Chianti
Ristrutturazione ed interior design con cucina artigianale
di una antica casa di pietra in Chianti, Impruneta (FI)

Una casa di pietra

Una meravigliosa casa in Chianti, nelle colline di Impruneta che versava in stato di abbandono da anni, parzialmente sommersa dalla vegetazione, con tetti e solai pericolanti: questo è stato il punto di partenza del nostro intervento di ristrutturazione, interior design e riqualificazione energetica della casa di pietra e dei suoi spazi esterni. Il progetto prende le mosse dallo studio dello sviluppo del fabbricato, la cui forma attuale è frutto di una evoluzione per addizioni successive a partire dal nucleo originario costituito da una torre medievale.
La nostra proposta ha mirato a valorizzare il nucleo storico della colonica chiantigiana, ripristinando le strutture con i materiali storici della tradizione, lavorando su nuove soluzioni per la distribuzione interna ed il design di interni, e ricostruendo i rapporti tra gli spazi interni ed esterni che circondano la casa, declinati in terrazze, aie, giardino, al fine di offrire alla Committenza un sistema di aree esterne da utilizzare nelle varie ore del giorno a seconda delle stagioni, al fine di ripristinare quel rapporto vitale che esisteva tra le case coloniche toscane, le aree pertinenziali ed il paesaggio circostante.

Progetto: Matteo Pierattini, Sara Bartolini
Direzione lavori: Matteo Pierattini
Impresa esecutrice: Edil Nicola
Materiali finiture: Cotto Manetti, Pietre di Rapolano
Photo: Matteo Pierattini

Una casa di pietra

I volumi della casa in Chianti si sono sviluppati intorno alla vecchia torre storica

1.Pelle di pietra

Quando abbiamo iniziato a sviluppare il progetto il giardino, come il resto della casa, risultava abbandonato da anni. Il primo obiettivo della ristrutturazione è stato di riportare alla luce le tracce storiche. Tutto il giardino si sviluppa verso sud per un’estensione di 3000 mq. Viste le dimensioni abbiamo studiato una zona più curata e progettata nelle immediate vicinanze di casa

Questa casa in Chianti è dotata di 3 aie, esposte in maniera diversa e trattate con materiali e soluzioni diverse tra loro, ma che in ogni caso attingono alla tradizione locale reinterpretandola in chiave moderna grazie alla scelta di colori e pose dei materiali. Il resto del terreno è invece trattato come un giardino agricolo con alberi secolari, olivi e piante da frutto.

Quando abbiamo iniziato a sviluppare il progetto il giardino, come il resto della casa, risultava abbandonato da anni. Il primo obiettivo della ristrutturazione è stato di riportare alla luce le tracce storiche. Tutto il giardino si sviluppa verso sud per un’estensione di 3000 mq. Viste le dimensioni abbiamo studiato una zona più curata e progettata nelle immediate vicinanze di casa

Questa casa in Chianti è dotata di 3 aie, esposte in maniera diversa e trattate con materiali e soluzioni diverse tra loro, ma che in ogni caso attingono alla tradizione locale reinterpretandola in chiave moderna grazie alla scelta di colori e pose dei materiali. Il resto del terreno è invece trattato come un giardino agricolo con alberi secolari, olivi e piante da frutto.

La casa di pietra: l’aia ovest è un grande terrazzo che si affaccia verso Impruneta, realizzato in bozze di pietra serena di recupero.

2.Lo spazio fluido

Come spesso accadeva nelle case chiantigiane, le stanze al piano terra erano in origine dedicate alle stalle ed agli attrezzi agricoli. La ristrutturazione le ha trasformate negli ambienti principali di vita della casa: ingresso, cucina, sala pranzo e soggiorno. Grandi aperture interne, rendono lo spazio continuo ed orientano l’interior design.

Obiettivo del progetto è riportare alla luce le tracce che raccontano la tipica storia della casa in Chianti, come il vecchio contrafforte della torre che si trova in soggiorno, per mantenere l’aspetto di una casa in pietra. Oltre a creare nuovi interni ampi e luminosi tra loro interconnessi, utilizzando materiali contemporanei come il corten, il travertino e il cotto nero.

Come spesso accadeva nelle case chiantigiane, le stanze al piano terra erano in origine dedicate alle stalle ed agli attrezzi agricoli. La ristrutturazione le ha trasformate negli ambienti principali di vita della casa: ingresso, cucina, sala pranzo e soggiorno. Grandi aperture interne, rendono lo spazio continuo ed orientano l’interior design.

Obiettivo del progetto è riportare alla luce le tracce che raccontano la tipica storia della casa in Chianti, come il vecchio contrafforte della torre che si trova in soggiorno, per mantenere l’aspetto di una casa in pietra. Oltre a creare nuovi interni ampi e luminosi tra loro interconnessi, utilizzando materiali contemporanei come il corten, il travertino e il cotto nero.

La nuova scala crea un disegno degli interni contemporaneo, collegando ingresso a soggiorno e cucina.

3.Il Chianti in cucina

La nuova cucina è fortemente connessa con il paesaggio. Presenta infatti affacci a nord, ad est e a sud. Inoltre dalla grande isola centrale, traguardando il soggiorno si scorge l’aia pavimentata ad ovest. Queste connessioni sono sottolineate anche dall’interior design della cucina che inquadra la grande finestra ad est che affaccia sul paesaggio del Chianti.

La ristrutturazione ha riaperto un arco che connette gli interni e la cucina con l’aia che delimita l’ingresso alla casa. Una nuova scala in corten permette l’accesso alla porta finestra a sud che collega la cucina ad una terrazza panoramica. La cucina diviene quindi una zona di passaggio intermedia trai vari ambienti della casa che affacciano sul paesaggio circostante.

La nuova cucina è fortemente connessa con il paesaggio. Presenta infatti affacci a nord, ad est e a sud. Inoltre dalla grande isola centrale, traguardando il soggiorno si scorge l’aia pavimentata ad ovest. Queste connessioni sono sottolineate anche dall’interior design della cucina che inquadra la grande finestra ad est che affaccia sul paesaggio del Chianti.

La ristrutturazione ha riaperto un arco che connette gli interni e la cucina con l’aia che delimita l’ingresso alla casa. Una nuova scala in corten permette l’accesso alla porta finestra a sud che collega la cucina ad una terrazza panoramica. La cucina diviene quindi una zona di passaggio intermedia trai vari ambienti della casa che affacciano sul paesaggio circostante.

4.Suite con terrazza privata

Gran parte del primo piano è occupato dalla master bedroom e dagli ambienti di servizio; questa infatti occupa tutta l’ala sud della casa e presenta affacci su 3 lati. Il posizionamento e l’interior design è stato studiato per poter permette di connettere la camera con la grande terrazza esposta ad est, che dal primo piano permette uno sguardo di insieme sulla catena montuosa del Chianti.

Gli interni della stanza sono caratterizzati dal soffitto in travi di legno sbiancato e lasciato a vista e dai vecchi mandolati fedelmente ricostruiti e chiusi con grandi vetrate. Di fronte al letto si trova la terrazza e dietro la testata del letto, con accesso dai due lati, si sviluppa la cabina armadio con armadi a soffitto realizzati su misura, che seguono l’andamento della copertura.

Gran parte del primo piano è occupato dalla master bedroom e dagli ambienti di servizio; questa infatti occupa tutta l’ala sud della casa e presenta affacci su 3 lati. Il posizionamento e l’interior design è stato studiato per poter permette di connettere la camera con la grande terrazza esposta ad est, che dal primo piano permette uno sguardo di insieme sulla catena montuosa del Chianti.

Gli interni della stanza sono caratterizzati dal soffitto in travi di legno sbiancato e lasciato a vista e dai vecchi mandolati fedelmente ricostruiti e chiusi con grandi vetrate. Di fronte al letto si trova la terrazza e dietro la testata del letto, con accesso dai due lati, si sviluppa la cabina armadio con armadi a soffitto realizzati su misura, che seguono l’andamento della copertura.

Il bagno della suite è caratterizzato da un disegno degli interni dai toni caldi del legno e travertino.

5.Una torre tutta per sè

L’originario nucleo della torre, in questa casa in Chianti, è caratterizzato all’ultimo piano da un’unica grande stanza. La ristrutturazione ha interpretato l’ambiente come camera da letto con bagno privato con un interior design contemporaneo. La testata del letto appoggia su una parete bianca dietro cui si sviluppa la zona servizi, con doccia a vista.

Il progetto ha interpretato il bagno come un cubo bianco ribassato, realizzato con un soffitto in vetro, la cui estensione è delimitata da un pavimento in travertino che contrasta con la pavimentazione in legno del resto della camera. L’arredo minimale, che valorizza la struttura storica dell’ambiente, è sottolineato dell’illuminazione caratterizzata da pendenti a soffitto e da led.

L’originario nucleo della torre, in questa casa in Chianti, è caratterizzato all’ultimo piano da un’unica grande stanza. La ristrutturazione ha interpretato l’ambiente come camera da letto con bagno privato con un interior design contemporaneo. La testata del letto appoggia su una parete bianca dietro cui si sviluppa la zona servizi, con doccia a vista.

Il progetto ha interpretato il bagno come un cubo bianco ribassato, realizzato con un soffitto in vetro, la cui estensione è delimitata da un pavimento in travertino che contrasta con la pavimentazione in legno del resto della camera. L’arredo minimale, che valorizza la struttura storica dell’ambiente, è sottolineato dell’illuminazione caratterizzata da pendenti a soffitto e da led.

Il soffitto in vetro del bagno permette la lettura della trama lignea della copertura a padiglione.

7.Ristrutturare e riqualificare

La ristrutturazione degli ambienti al piano terra da locali agricoli ad abitativi ha previsto un profondo intervento di riqualificazione e risanamento. Gli spazi, prima separati, sono stati messi in comunicazione da grandi aperture strutturali. Le murature sono state tutte ristrutturate per ridare splendore alla casa in pietra.

Gli interventi strutturali sono stati numerosi ed hanno previsto il rifacimento delle coperture ed il consolidamento dei solai. Nonostante le numerose modifiche le caratteristiche degli ambienti interni ed esterni sono state rispettate, grazie al recupero dove possibile, e all’utilizzo di materiali tipici della tradizione toscana, come il cotto usato per i mandolati e le cornici in pietra serena.

La ristrutturazione degli ambienti al piano terra da locali agricoli ad abitativi ha previsto un profondo intervento di riqualificazione e risanamento. Gli spazi, prima separati, sono stati messi in comunicazione da grandi aperture strutturali. Le murature sono state tutte ristrutturate per ridare splendore alla casa in pietra.

Gli interventi strutturali sono stati numerosi ed hanno previsto il rifacimento delle coperture ed il consolidamento dei solai. Nonostante le numerose modifiche le caratteristiche degli ambienti interni ed esterni sono state rispettate, grazie al recupero dove possibile, e all’utilizzo di materiali tipici della tradizione toscana, come il cotto usato per i mandolati e le cornici in pietra serena.

8.Un rudere da ristrutturare

Quando abbiamo iniziato il progetto questa casa in pietra versava in stato di abbandono da anni. Le infiltrazioni di acqua e l’azione delle radici dei rampicanti avevano compromesso la struttura delle murature, dei solai interni e delle coperture. Gli ambienti a piano terra, originariamente dedicati a funzioni agricole, erano ancora caratterizzati da pavimenti semplicemente appoggiati sulla terra.

Anche il giardino versava in stato di abbandono. Gli olivi e le altre piante secolari erano invasi dai rampicanti e da specie non autoctone. I muri a secco erano crollati e l’originaria organizzazione degli spazi esterni risultava di difficile lettura. La ristrutturazione si è basata sulla ricostruzione, mediante il rilievo ed immagini storiche, dell’identità della casa e del suo terreno.

Quando abbiamo iniziato il progetto questa casa in pietra versava in stato di abbandono da anni. Le infiltrazioni di acqua e l’azione delle radici dei rampicanti avevano compromesso la struttura delle murature, dei solai interni e delle coperture. Gli ambienti a piano terra, originariamente dedicati a funzioni agricole, erano ancora caratterizzati da pavimenti semplicemente appoggiati sulla terra.

Anche il giardino versava in stato di abbandono. Gli olivi e le altre piante secolari erano invasi dai rampicanti e da specie non autoctone. I muri a secco erano crollati e l’originaria organizzazione degli spazi esterni risultava di difficile lettura. La ristrutturazione si è basata sulla ricostruzione, mediante il rilievo ed immagini storiche, dell’identità della casa e del suo terreno.