MENU
Podere La Fratta
Ristrutturazione, riqualificazione energetica ed interior design
con cucina artigianale di un antico podere nella campagna toscana di Prato

Vita in un podere della Toscana

La Fratta è il toponimo che indica un antico podere situato in Toscana sulle colline sopra Prato, tradizionalmente suddivisa come abitazione al piano superiore ed annessi agricoli al piano terra. Il nostro intervento ha riguardato la ristrutturazione completa del nucleo più antico del casolare toscano, nel quale era ancora presente la memoria dell’uso agricolo degli spazi prima del nostro intervento; il piano terra era difatti ancora utilizzato come magazzino e cantina per la conservazione dei cibi e dell’olio prodotto dagli ulivi situati nei terreni circostanti la casa colonica.
Il progetto ha previsto, secondo il nostro approccio, la completa ristrutturazione ed il nuovo interior design dei piani terra e primo di questa porzione di tipica abitazione rurale toscana, con cambio di destinazione d’uso dei locali a piano terra ed il frazionamento in 2 unità immobiliari di tutto il fabbricato, con un contestuale intervento di riqualificazione energetica e sismica ed rifacimento completo di tutti gli impianti.
Un intervento completo che ha valorizzato l’anima rurale della casa, introducendo tecnologie ed isolamento termico che hanno permesso di raggiungere la Classe Energetica A2

Progetto: Sara Bartolini, Matteo Pierattini
Direzione Lavori: Sara Bartolini
Impresa esecutrice: Edil Envi
Materiali: cotto Manetti Gusmano, pavimenti in legno Taddeo, materassini in canapa Manifattura Maiano
Arredi: Montini wood design
Photo: Matteo Pierattini

A2 Classe energetica dopo la trasformazione

Vita in un podere della Toscana

A piano terra la ristrutturazione ha interessato la parte più antica della casa, ancora adibita a magazzino agricolo

1.Una stalla trasformata

La grande stanza al piano terra che accoglie adesso la zona giorno e cucina era in origine dedicata alle stalle e successivamente al rimessaggio di piccoli attrezzi e magazzino. Il progetto ha trasformato questo spazio nel nuovo cuore della casa, valorizzando le connessioni con gli spazi esterni ed esaltando l’anima toscana del podere con materiali tradizionali declinati in forme moderne.

Il nuovo interior design prevede una nuova zona giorno in open space, che comprende un grande spazio living, una zona dedicata ad accogliere la cucina e zona pranzo, e gli spazi funzionali all’organizzazione della vita quotidiana (bagno, lavanderia e ripostiglio sottoscala).

La grande stanza al piano terra che accoglie adesso la zona giorno e cucina era in origine dedicata alle stalle e successivamente al rimessaggio di piccoli attrezzi e magazzino. Il progetto ha trasformato questo spazio nel nuovo cuore della casa, valorizzando le connessioni con gli spazi esterni ed esaltando l’anima toscana del podere con materiali tradizionali declinati in forme moderne.

Il nuovo interior design prevede una nuova zona giorno in open space, che comprende un grande spazio living, una zona dedicata ad accogliere la cucina e zona pranzo, e gli spazi funzionali all’organizzazione della vita quotidiana (bagno, lavanderia e ripostiglio sottoscala).

Le voltine, tipiche dell’abitazione rurale toscana, sono state ripulite, sabbiate e stuccate per garantire carattere e colore alla zona giorno.

2.Saperi artigianali

All’interno del grande open space trova spazio la cucina con isola, da noi disegnata e realizzata su misura da una falegnameria locale specializzata in arredi in legno. Oltre che darci la possibilità di creare la cucina perfetta per le esigenze della Committenza, la realizzazione artigianale ha permesso di adattarsi perfettamente ai vari fuori piombo delle vecchie pareti in pietra.

Il nuovo interior design della cucina fa dialogare un materiale tradizionale come il legno di rovere con un design moderno, scandito dal ritmo delle voltine in cotto. Gli elementi in acciaio delle voltine sono stati sfruttati per il posizionamento dei punti luce, mentre i led sopra la cucina sottolineano le geometrie del soffitto.

All’interno del grande open space trova spazio la cucina con isola, da noi disegnata e realizzata su misura da una falegnameria locale specializzata in arredi in legno. Oltre che darci la possibilità di creare la cucina perfetta per le esigenze della Committenza, la realizzazione artigianale ha permesso di adattarsi perfettamente ai vari fuori piombo delle vecchie pareti in pietra.

Il nuovo interior design della cucina fa dialogare un materiale tradizionale come il legno di rovere con un design moderno, scandito dal ritmo delle voltine in cotto. Gli elementi in acciaio delle voltine sono stati sfruttati per il posizionamento dei punti luce, mentre i led sopra la cucina sottolineano le geometrie del soffitto.

Accanto al nuovo camino a legna, funzionale alla riqualificazione energetica, si trovano le nuove scale verso la zona notte.

Piano terra e primo sono collegati tramite la creazione di nuova scala. Queste modifiche hanno permesso di creare 2 unità immobiliari indipendenti

3.Il calore del legno

Il piano primo è caratterizzato dalle superfici in legno del soffitto cassettonato e del pavimento in parquet di rovere. Un grande corridoio distribuisce verso le tre camere da letto, caratterizzate da colori tenui e materiali tradizionali tipici del podere toscano. Abbiamo salvato e riutilizzato le bellissime porte esistenti per dare continuità allo spirito originario della casa.

Gli spazi di piano primo sono frutto di una complessiva riorganizzazione della zona notte, per adeguarsi alle mutate esigenze della famiglia. Due nuovi bagni dal disegno semplice completano gli ambienti di questa zona, caratterizzata da materiali naturali e tinte pastello che donano agli spazi un senso di pace e tranquillità.

Il piano primo è caratterizzato dalle superfici in legno del soffitto cassettonato e del pavimento in parquet di rovere. Un grande corridoio distribuisce verso le tre camere da letto, caratterizzate da colori tenui e materiali tradizionali tipici del podere toscano. Abbiamo salvato e riutilizzato le bellissime porte esistenti per dare continuità allo spirito originario della casa.

Gli spazi di piano primo sono frutto di una complessiva riorganizzazione della zona notte, per adeguarsi alle mutate esigenze della famiglia. Due nuovi bagni dal disegno semplice completano gli ambienti di questa zona, caratterizzata da materiali naturali e tinte pastello che donano agli spazi un senso di pace e tranquillità.

Un vecchio arco al piano primo è stato riaperto per godere della vista sulle montagne circostanti.

4.Ristrutturare, recuperare, efficientare

In prima battuta, l’intervento ha previsto opere di consolidamento strutturale dei solai a voltine della stalla, trasformata poi in soggiorno, e di tutti i solai di piano primo. Il solaio a voltine è stato poi trattato per ritrovare la bellezza nascosta delle vecchie pianelle in cotto. Durante i lavori abbiamo smontato e recuperato tutte le vecchie porte interne che sono state poi riutilizzate.

La riqualificazione energetica ha previsto la coibentazione dei solai controterra e di copertura con materassini in canapa. Oltre alla completa sostituzione degli infissi, è stato poi sostituito il vecchio generatore a gpl con una nuova caldaia a legna, ed installati 3 kW di pannelli fotovoltaici su un vicino annesso agricolo. Gli interventi hanno permesso di raggiungere la Classe Energetica A2.

In prima battuta, l’intervento ha previsto opere di consolidamento strutturale dei solai a voltine della stalla, trasformata poi in soggiorno, e di tutti i solai di piano primo. Il solaio a voltine è stato poi trattato per ritrovare la bellezza nascosta delle vecchie pianelle in cotto. Durante i lavori abbiamo smontato e recuperato tutte le vecchie porte interne che sono state poi riutilizzate.

La riqualificazione energetica ha previsto la coibentazione dei solai controterra e di copertura con materassini in canapa. Oltre alla completa sostituzione degli infissi, è stato poi sostituito il vecchio generatore a gpl con una nuova caldaia a legna, ed installati 3 kW di pannelli fotovoltaici su un vicino annesso agricolo. Gli interventi hanno permesso di raggiungere la Classe Energetica A2.

5.Da una stalla ad una casa

Il fabbricato allo stato di fatto si presentava con due facce distinte, che sottendevano altrettante condizioni di manutenzione: un piano terra storicamente adibito a magazzino agricolo, ed un piano primo già destinato ad abitazione. Quest’ultimo è stato prevalentemente oggetto di interventi di ristrutturazione per accorparlo nella nuova unità.

Il piano terra, invece, si presentava come uno spazio privo di qualsiasi requisito per essere trasformato in abitazione; il solaio controterra non era isolato, le pareti in pietra erano state tracciate malamente con impianti, il solaio a voltine era imbarcato e degradato: dopotutto lo spazio era originariamente destinato ad accogliere gli animali!

Il fabbricato allo stato di fatto si presentava con due facce distinte, che sottendevano altrettante condizioni di manutenzione: un piano terra storicamente adibito a magazzino agricolo, ed un piano primo già destinato ad abitazione. Quest’ultimo è stato prevalentemente oggetto di interventi di ristrutturazione per accorparlo nella nuova unità.

Il piano terra, invece, si presentava come uno spazio privo di qualsiasi requisito per essere trasformato in abitazione; il solaio controterra non era isolato, le pareti in pietra erano state tracciate malamente con impianti, il solaio a voltine era imbarcato e degradato: dopotutto lo spazio era originariamente destinato ad accogliere gli animali!